ontology
printprintFacebook
Nuova Discussione
Rispondi
 
Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Facebook  

paradygmagneteventy

Ultimo Aggiornamento: 08/07/2018 19.56
Autore
Stampa | Notifica email    
OFFLINE
Post: 9
08/07/2018 19.56
 
Email
 
Scheda Utente
 
Modifica
 
Cancella
 
Quota

paradigmagnetelettra
Scrivere è l'essere lì Resynphysystryngrammagnetelettragravyty là è
catastrofe-metagrammy catagrammy catastrofevento È paradigmagnetelettragravyty l'arte della scrittura non è altro che una rappresentazione mediata del pensiero, almeno
nel caso dei linguaggi vocalici, gli unici che usiamo.
Il movimento della rappresentazione supplementare si avvicina all'origine in quanto si allontana
da essa. L'alienazione totale è la totale riappropriazione della presenza personale. La scrittura alfabetica, che
rappresenta un rappresentante, supplemento di un supplemento, aumenta il potere della rappresentazione.
Nel perdere un po 'più di presenza, lo ripristina un po' meglio. Più puramente fonografico rispetto
alla scrittura della seconda condizione, è più adatto a svanire prima della voce, più adatto a lasciare che la
la voce sia. All'interno dell'ordinamento politico – l'alienazione totale, quella che si sviluppa, come
afferma il Contratto sociale , “senza riserve” – ??“otteniamo l'esatto equivalente di ciò che perdiamo, oltre a
un potere aggiunto di conservare ciò che abbiamo già” (Bk. I, p. 361) [p. 181]. A condizione,
naturalmente, che l'emergere dallo stato anteriore – al limite, dallo
((296))
stato di pura natura – non lo faccia ricadere, come è sempre possibile, a corto dell'origine, e di
conseguenza se “l'uso improprio delle nuove condizioni ancora, a volte, lo degrada [l'
essere umano ] in un punto inferiore a quello da cui è emerso” (p. 364) [p. 185].
L'alienazione senza riserve è quindi una rappresentazione senza riserve. Strappa la presenza assolutamente da
stesso e assolutamente lo ripresenta a se stesso. Poiché il male ha sempre la forma
dell'alienazione rappresentativa , della rappresentazione nel suo aspetto sproporzionato, tutto il pensiero di Rousseau è in un certo senso
una critica della rappresentazione, tanto in senso linguistico quanto in senso politico. Ma allo stesso
tempo – e qui si riflette l'intera storia della metafisica – questa critica dipende
dall'ingenuità della rappresentazione. Suppone subito che la rappresentazione segue una prima presenza e
ripristina una presenza finale. Non si chiede quanta presenza e quanto di
rappresentazione si trovano all'interno della presenza. Nel criticare la rappresentazione come la perdita della presenza,
nell'aspettarsi una riappropriazione della presenza da essa, nel renderla un incidente o un mezzo, uno
si situa nell'auto-evidenza della distinzione tra presentazione e
rappresentazione, all'interno dell'effetto di questa fissione. Si critica il segno ponendosi
dentro l'evidenza di sé e l'effetto della differenza tra significato e significante. Vale
a dire, senza pensare (proprio come quei successivi critici che, all'interno dello stesso effetto,
invertono il modello, e si oppongono a una logica del rappresentatore alla logica del rappresentato) del
movimento produttivo dell'effetto della differenza: il strano grafico della differenza.
Non è quindi affatto sorprendente che la terza condizione (società civile e alfabeto) debba
essere descritta secondo gli schemi che sono tanto quelli di The Social Contract quanto quelli
della lettera a d'Alembert.
Lode al “popolo riunito” al festival o al forum politico è sempre una critica della
rappresentazione. L'istanza legittimante, nella città come nel linguaggio, nella parola o nella scrittura, e
nelle arti, è il presentatore presente di persona: fonte di legittimità e origine sacra.
La perversione consiste precisamente nel sacralizzare il rappresentante o il significante. La sovranità è
presenza e la gioia nella presenza [del godimento]. “Nel momento in cui il popolo è legittimamente
radunato come un corpo sovrano, la giurisdizione del governo cessa del tutto, il
potere esecutivo è sospeso, e la persona del cittadino più povero è sacra e
inviolabile come quello del primo magistrato; poiché in presenza della persona rappresentata, i
rappresentanti non esistono più “(Contratto sociale, pagg. 427-29 [76].
In tutti gli ordini, la possibilità del rappresentante è rappresentata dalla presenza come il male si abbatte
bene o la storia si abbatte origine: il significante-rappresentatore è la catastrofe, quindi è
sempre “nuova” in sé, in qualunque epoca possa apparire, è l'essenza della modernità. “L'
idea della rappresentazione è moderna” è una proposizione che deve essere estesa oltre i limiti
che Rousseau assegna ad essa (pagina 430) [78]. La libertà politica è piena solo
((297))
nel momento in cui il potere del rappresentante è sospeso e restituito al
rappresentato: “In ogni caso, il momento in cui un popolo si lascia rappresentare, non è più
libero: non esiste più” (p 431) [p. 80].
È necessario, quindi, raggiungere il punto in cui la fonte è detenuta in se stessa, dove ritorna
o va verso se stessa nell'inalienabile immediatezza del possesso di sé [jouissance de soi],
nel momento della rappresentazione impossibile, nella sua sovranità . Nell'ordine politico, tale
fonte è determinata come vuole: “La sovranità, per la stessa ragione per cui la rende in-alienabile,
non può essere rappresentata; esso si trova essenzialmente nella volontà generale e non ammette la
rappresentazione: è lo stesso o l'altro; non c'è possibilità intermedia “(p 429) [p.
781. “. . . Il Sovrano, che non è meno che un essere collettivo, non può essere rappresentato se non
da solo: il potere in effetti può essere trasmesso, ma non la volontà “(p. 368) [p. 20].
Come principio corruttivo, il rappresentante non è il rappresentato ma solo il rappresentante del
rappresentato; non è uguale a se stesso. Come rappresentante, non è semplicemente l'altro del
rappresentato. Il male del rappresentante o del supplemento di presenza non è né lo stesso
né l'altro. Interviene al momento della differenza, quando il sovrano si delega da
sé e quando, di conseguenza, viene scritta la legge. Ora il generale rischia di diventare una
potenza trasmessa, una volontà particolare, una preferenza, un'uguaglianza. Il decreto, vale a dire la scrittura,
può essere sostituito dalla legge; nei decreti che rappresentano testamenti particolari, “la volontà generale
diventa muta” (Contratto sociale, pag 438) [p. 86]. Il sistema del contratto sociale, che si
fonda sull'esistenza di un momento anteriore alla scrittura e alla rappresentazione, non può,
tuttavia, evitare di lasciarsi minacciare dalla lettera. Ecco perché, obbligato a
ricorrere alla rappresentazione, “il corpo politico, così come il corpo umano, comincia a morire non appena
nasce e porta in sé le cause della sua distruzione” (p.424). 73] Il capitolo 11 di
Bk. III, “Della morte del corpo politico”, apre tutti gli sviluppi della rappresentazione).
La scrittura è l'origine della disuguaglianza. 20 È il momento in cui la volontà generale non può errare
da solo, lascia il posto al giudizio, che può attirarlo in “le influenze seduttive delle
volontà individuali” (p. 380) [p. 31]. Bisogna quindi separare la sovranità legislativa dal Metagrammy la catastrofe Resina di per sé È katastropheventy È L'essere macchina della morte.
Perché È paradossonty Resynepigramma È
Stagione 2018/2019 - Mercato invernaleblog191269 pt.14/12/2018 22.24 by ormonello
Abusi in Sala tdG - USA Ventura CountyTestimoni di Geova Online...67 pt.14/12/2018 16.25 by barnabino
Biglino 2APOCALISSE41 pt.14/12/2018 23.07 by Cristianalibera
Sara Benci di Sky SportTELEGIORNALISTE FANS FORU...37 pt.14/12/2018 21.58 by Christian(90)
Gioco di associazione di parole Ipercaforum25 pt.14/12/2018 20.50 by rufusexc
15° RADUNO Nazionale Honda Dominator Honda Dominator13 pt.14/12/2018 12.34 by Nirvana-60
Amministra Discussione: | Chiudi | Sposta | Cancella | Modifica | Notifica email Pagina precedente | 1 | Pagina successiva
Nuova Discussione
Rispondi
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Home Forum | Bacheca | Album | Utenti | Cerca | Login | Registrati | Amministra
Crea forum gratis, gestisci la tua comunità! Iscriviti a FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 23.46. Versione: Stampabile | Mobile
Copyright © 2000-2018 FFZ srl - www.freeforumzone.com